Motivazione allo studio: le 5 regole vincenti

Vuoi ritrovare la motivazione allo studio? Sei bloccato e non riesci più ad andare avanti? Liberati da ogni dubbio e scopri le regole per migliorare l’apprendimento.

Come motivare allo studio

Esistono diversi metodi per motivare e motivarsi allo studio. Ogni tecnica ha una sua particolarità e si adatta in base alle singole esigenze. In questa guida conoscerai le cinque regole fondamentali per ritrovare la concentrazione, fare chiarezza e migliorare i risultati nella lettura e nell’apprendimento.

Inizio con elencarti alcuni comportamenti che limitano la motivazione:

  • cominciare a studiare senza pianificare il tempo a disposizione
  • misurare le nostre capacità entrando in competizione con altri studenti
  • continuare a studiare, anche se la mente è altrove
  • attribuire a tutto il materiale di studio la stessa priorità
  • dare poca importanza ad alcune strategie di studio (ambiente, metodo, tecniche di memoria etc. etc.)

E infine:

  • imporsi di studiare senza essere del tutto convinti

Giuseppe che cosa vuoi dire?

Quante volte ti sei ripetuto la frase “da domani inizio a studiare” o  “devo mettere la testa a posto” senza ottenere risultati? E’ un po’ come succede con le persone che si impongono di “mettersi a dieta” o “smettere di fumare”. Se non sei convinto, sarai poco motivato ad agire.

Solo quando avrai raggiunto la consapevolezza di voler ottenere dei risultati, tutto ti sembrerà più semplice, chiaro e avrà un suono più familiare alle tue aspettative.

Cosa dovrei fare?

Prima di svelarti delle regole pratiche, inizia a chiederti il “perché” sia importante studiare. Ho incontrato giovani studenti poco motivati e alla domanda del perché stessero studiando, hanno risposto:

  • non lo so
  • perché i miei genitori non mi fanno uscire sabato sera
  • me lo hanno imposto

Più che risposte motivanti, sono degli obblighi che difficilmente risultano efficaci per l’apprendimento e la motivazione in genere. Prova invece a riflettere su cosa possa significare per te studiare.

Io da giovane studente ho ritrovato la motivazione solo quando ho capito che lo studio mi avrebbe reso più libero e indipendente. Ho immaginato che da adulto avrei preso le dovute decisioni pronunciando le parole giuste. Avrei avuto la possibilità di ascoltare e capire il testo di alcuni brani in inglese senza chiedere aiuto etc. etc. Ognuno di noi ha la propria risposta interiore, anche tu.

Le 5 regole della motivazione allo studio

Che tu sia un insegnante, un genitore o uno studente, ti introduco le cinque regole fondamentali per motivare e motivarsi allo studio:

  1. Obiettivi
  2. Un mattoncino per volta
  3. Evitare distrazioni
  4. Visualizzazione
  5. Confrontarsi

1 – Obiettivi

Fissare gli obiettivi è l’essenza della motivazione, se hai gia letto o ascoltato le altre mie guide saprai quante volte abbia evidenziato l’importanza di avere uno scopo (Andres Rodriguez).

Come fare:

  • prendi un foglio di carta e una matita/penna
  • rifletti dieci minuti e poi scrivi i tuoi obiettivi nello studio
  • definisci attentamente ogni obiettivo, assicurati che sia preciso-specifico, definibile, fattibile-reale

Ogni tuo pensiero diventerà una marcia in più per andare avanti.
Evita di scrivere obiettivi come:

Non voglio arrivare a fine mese senza aver studiato matematica

scrivi invece:

Studiare il libro di matematica ed eseguire 72 esercizi entro 10 giorni (se indichi la data precisa è meglio)

Una volta definiti gli obiettivi, attacca il foglio vicino la tua scrivania, sul tuo computer o dove ritieni opportuno. L’importante che sia sempre a portata di mano e visibile, in modo da poter rileggerlo e averlo sempre in mente.

2 – Un mattoncino per volta

Ti sei trovato davanti ad un “castello” di libri col timore di non riuscire a studiarli? Una delle regole che ho potuto imparare personalmente è l’importanza di muoversi a piccoli passi (Photo credit: Christine Mcintosh).

Organizza il tuo studio in tappe, in micro obiettivi e raggiungerai al più presto i risultati sperati. Tanti mattoncini messi insieme formano un muro. Può essere più proficuo pensare di studiare dieci pagine nei prossimi trenta minuti, piuttosto che immaginarsi di leggere il libro intero entro quattro giorni.

Puoi iniziare subito:

  • scegli la materia che vuoi studiare
  • seleziona cinque pagine e come obiettivo studiale nei prossimi trenta minuti
  • quando hai finito premiati con quindici minuti di assoluto relax
  • dedica altri quindici minuti per ripassare cosa hai studiato
  • vai avanti con altre cinque o più pagine

3 – Evitare le distrazioni

I nemici dello studio sono le innumerevoli fonti di distrazione come televisione, telefoni, rumori, email, chat, social network (Photo credit: Stankovic Vladimir). Crea, per quanto ti sia possibile, un ambiente favorevole allo studio e tieniti lontano da ogni elemento che ti possa distrarre.

Consigli utili:

  • mantieni una postura corretta mentre stai studiando
  • studia in una stanza senza televisore
  • se casa tua è rumorosa, vai a studiare nella biblioteca locale
  • se usi il pc disattiva le chat, chiudi Facebook, Twitter e tutti i social network (anche sul telefonino…)
  • controlla la posta elettronica con intervalli di tempo prestabiliti (ogni 6 ore ad esempio)

4 – Visualizzazione

La tecnica della visualizzazione è molto utilizzata nel coach sportivo per migliorare le prestazioni degli atleti professionisti (Photo credit: Johann Dreo). Sono tanti i giocatori di tennis o di basket che hanno ottenuto risultati sconvolgenti grazie alla visualizzazione. Hanno provato emozioni, immaginato e ascoltato i suoni della partita prima ancora di giocarla.

Io la considero una tecnica potente anche per lo studio perché quando la nostra mente si allena al risultato, tutte le forze si concentreranno per raggiungerlo.

Esempio pratico:

  • mettiti comodo in un luogo tranquillo e chiudi gli occhi se preferisci
  • pensa mentre organizzi bene gli appunti e ripeti a voce alta le nozioni apprese
  • immaginati mentre ti esprimi in modo perfetto davanti al tuo insegnante
  • ripeti più volte l’esercizio

Dai la possibilità alla tua mente di vedere, sentire ed esprimere emozioni positive. Il senso di realizzazione che trarrai da questo esercizio, aumentare il coinvolgimento allo studio.

5 – Confrontarsi

Quando siamo in difficoltà nello studio, una delle azioni più confortanti è trascorrere del tempo con delle persone che stanno vivendo la stessa esperienza (Photo credit: Hrlnspnks). Come Sherlock Holmes e Watson discutono sui loro casi per trovare la soluzione, anche tu potrai discutere con i tuoi colleghi e risolvere ogni dubbio.

Come fare:

  • ritrova uno o due compagni di corso/classe che sono impegnati nella stessa materia
  • riunitevi intorno ad un tavolo una volta alla settimana e discutete sugli obiettivi raggiunti e su cosa bisognerebbe migliorare
  • lo scambio di opinioni e consigli, qualche battuta scherzosa, trasforma le attività noiose in divertimento e miglioramento personale

Di cosa ti ho parlato:

  1. Obiettivi
  2. Un mattoncino per volta
  3. Evitare distrazioni
  4. Visualizzazione
  5. Confrontarsi

Libro di riferimento:

Come ritrovare la voglia di studiare. Motivazione e metodo di studio

Se ti è piaciuta la guida, falla conoscere anche ai tuoi amici!

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Allora unisciti al gruppo per ricevere contenuti
esclusivi
IN REGALO riceverai l'e-book 100 Frasi per Motivare e Motivarsi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *